" Blog ...sconsigliato a persone impressionabili, minorenni e a chiunque teme di allargare i propri orizzonti ! "

giovedì 27 novembre 2008

Al di là delle parole…



“abductions” …”addotti” o “abdotti”
È da un po’ di mesi che ho in mente di scrivere qualcosa… in merito ad alcuni argomenti che ho affrontato più volte in questi anni in diversi luoghi virtuali-e non ed ultimamente con alcune persone di questo forum

“abductions” …”addotti” o “abdotti”…rapimenti alieni… attorno a queste parole in certi contesti
si hanno… interpretazioni, opinioni, fraintendimenti, desiderio di dominio, ignoranza, ecc.

al di là di tutto dietro a una parola vi è comunque una realtà e un nucleo di verità… altrimenti non esisterebbero per veicolare un qualcosa che non esiste…

la maggior parte non è in grado di guardare al di là delle interpretazioni e quindi non riesce a riconoscere la realtà indicata dalla parola stessa

la parola in se è un astrazione usata dalla mente… mezzo attraverso il quale si cerca di veicolare l’informazione,

la parola… simile a un segnale stradale indica un qualcosa al di là di sé.

Ad esempio la parola “Nutella” non è la Nutella, si può studiare e parlare della nutella all’infinito ma così non è conosciuta, non si conosce né si sa cosa è se non si è esperito “assaggiandola/vivendola” e in tal caso la parola “Nutella” diventa meno importante… non ci si “aggrappa” più ad essa ( per ovvi motivi… ^_^ )

Idem si può parlare di Dio o Uno per tutta la vita e pochi arrivano ad intravedere o vedere la realtà indicata dalla parola… per il resto è un attaccamento ossessivo a un idolo “mentale”…

Ed è la stessa cosa anche per il contrario… purtroppo…
Se non Vi piace la parola Nutella questo può impedirvi di assaggiarla e quindi esperirla… impedisce di fare vostra quella realtà indicata dalla parola stessa su cui focalizzate solamente la vostra attenzione su cui si sintonizza la mente parlando e parlando, giudicando, ipotizzando etichettando etc.

Se non Vi piace la parola Dio…, quindi si ha una forma di attaccamento negativa, si nega non solo la parola ma anche la realtà che essa indica e pertanto si è tagliati fuori dalla possibilità di avere esperienza di tale realtà…

(onde evitare alcune uscite … -in generale- una realtà si esperisce con diverse sfumature ..ce chi la vede da lontano, chi la vede da più vicino e chi vi è “dentro”…)

…quindi se per la nostra mente le aductions sono X e gli addotti sono Y… in negativo… ben conosciamo etichette, preconcetti, credenze, ecc. viste e riviste più volte anche qui ( no serve andare a ripescare altrove, per favore ^_^ né serve ricordarle e riportarle qui… fatica in più per nulla ^_^ )

Questo è legato all’identificazione con la mente…

La mente… è strumento fantastico se lo si sa usare… mentre se no si è consapevoli di come funziona diviene un tormentone che porta ad essere chiusi in una stiva di una barchetta in balia del mare…
Quel continuo turbinio di pensieri che no smette mai…

La mente giudica… è piena di pregiudizi e di muri (credenze), la mente ci tiene legati al passato continuando a farci ricordare quella cosa e quell’altra… la mente ci mette in ansia e paura mostrandoci come è il futuro prima che esso sia… ci giudica, ci analizza, giudica ed analizza ecc…. la mente (il mare) diviene ciò che a seconda del momento fa sobbalzare la barca (il corpo) attraverso momenti di quiete e di tempeste… (le emozioni)… e per la maggior parte del tempo purtroppo siamo identificati con essa e non ce ne accorgiamo… (siamo nella stiva… della barchetta…).
Ci accorgiamo però del nostro corpo se lo ascoltiamo… percepiamo quando è calmo e quando è agitato ed è indice per me di verità…

Durante alcune esperienze che ricordo… ero sveglia… luci in camera sfuggenti, strane e inspiegabili… strani odori… la mente mi diceva che era tutto finto, che stavo sognando ad occhi aperti, che me ne tornassi a dormire tranquilla… il mio corpo… era tesissimo, il cuore a mille, l’attenzione alle stelle, lucida e pronta a scattare… perché ?
Perché mi stava nascondendo qualcosa … però non poteva nasconderlo al mio corpo che reagiva a quanto gli arrivava.
Se mi svegliavo di colpo era la stessa cosa… la mente mi tranquillizzava il corpo no… e perchè no accadeva quando facevo i brutti sogni?
Quando avevo un incubo e la mente mi diceva le stesse cose il corpo lasciava andare subito la tensione e mi addormentavo tranquillamente …

Tutto questo per chi si avvicina a tali tematiche…

a chi è addotto o a chi addotto non è ma ha vissuto esperienze “fuori dal comune”,
persone che giunte qui, trovando un luogo virtuale in questo forum, in cui condividere anche se combattuti da mille paure e sensi di colpa cercando di comprendere cosa accaduto ed accade e se è vero o meno… ognuno per sé…
ovvio che poi si creino amicizie quando le cose condivise sono così simili e molte volte uguali in moltissimi particolari…
come è ovvio che se si ha un aiuto da una persona ci sia chi esterni più di altri la sua gratitudine (non siamo tutti uguali) passando e facendo passare per ciò e ciò che non è…
ovvio che dall’esterno sembri un unico gruppo unito… che sembri che tutti usino una sola testa…
questa è sempre la mente che etichetta… perché la realtà non è questa…
la mente quindi usa parole… e fa di tutta l’erba un fascio… perché se una, due o dieci persone sono così per lei significa che sono tutti così se sono in un determinato luogo! Ecc ecc.
La mente (di molti) parte già con il pregiudizio…
Non tiene conto di molte cose.. le elimina subito… prima ancora di rendersi conto che vi sono…

Per me …come penso per molti altri… quanto condiviso è una piccolissima parte… e all’inizio farlo era una cosa atroce… usciva di tutto, paura, imbarazzo, timidezza ecc… oggi è diverso… oggi non scrivo tutto per altri motivi ^_^
Uno di questi è proprio quello che prima si chiede e poi si rinfaccia…
Si perché si chiede prove e prove … non bastano mai… e poi… se si condivide… non gli si crede a tale persona perché tanto è stato scritto da un altro utente e puoi averlo letto, oppure l’hai letto in chat quando un altro utente l’ha raccontato etc… o come ho letto in questi mesi… attaccando in modi più o meno palesi… chi non vuole apparire e condivide per confrontare e per lasciare la possibilità ad altri di farlo
Altre volte mi sono trovata in imbarazzo e in situazioni pesanti per aver condiviso un esperienza con alcune persone ed anche se ritengo che ognuno è libero di pensarla e di credere quello che vuole e di certo non mi interessa convincere nessuno né far credere a nessuno nulla di chè … il fatto che si sia cercato di convincere me è stato alquanto spiacevole !

chi ricorda ed ha vissuto sulla propria pelle ha in sé l’esperienza che la maggior parte delle persone non ha

ed è sempre la mente che attraverso i suoi meccanismi in base ai pochi elementi su di una tematica o su di una persona inizia ad elaborare istantaneamente un “profilo”… così non ci rendiamo conto (in quanto identificati con essa) che il “profilo” non è tutto in ciò che stiamo appena iniziando a vedere/conoscere/ascoltare/vivere ..che poi si tratti di una cosa… di una tematica come le abductions o una persona (addotta o meno)… no ha importanza… il più delle volte accade che si giudica ! si arriva alle conclusioni… ecc.

accade che attraverso le parole scritte in forum si invii un informazione che viene interpretata in base al proprio bagaglio… l’interpretazione è della mente ed è soggettiva…
così accade che vedendo un forum che è piuttosto “omogeneo” per un certo tipo di interventi e punti di vista, ipotesi ecc. venga visto come settario e che chi è in certo modo e si esprime in certo modo esternando punti di vista, emozioni, riconoscimenti, ringraziamenti ecc. è etichettato come adepto alla setta ^_^ …dove solitamente spiccano alcuni nomi… chi entra con punti di vista diverso si sente attaccato anche se non lo è e si difende… ma cosa è che si sente attaccato ?...

il volere a tutti i costi poi dimostrare che non è così è solo gettare benzina sul fuoco in quanto… la mente inizia a fermentare e a tirare fuori di tutto e di più dal magico capello ^_^

cosa che succede spesso da quando ho iniziato a frequentare internet e i forum… (parlo in generale ! come sempre… quindi nessun riferimento particolare in quanto non è cosa che accade solo per questa tematica e solo qui per questo forum! E pertanto evitiamo eventuali link a post di forum esterni a destra e a manca perché di certo non è questo l’intento, grazie ^_^, è cosa che osservo da tre anni e di cui ne ho parlato spesso con diverse persone sia di questo forum che di altri con tematiche diverse ) …e cosa è che da etichette ?

la mente !

l’osservazione della sua attività e dei suoi meccanismi è quanto di più bello che ci sia… anche se all’inizio è difficile …si esce dalla stiva della barchetta e si guarda il mare (la mente)… si impara a conoscerlo ( e quando lo si fa non vi sono pensieri, non vi sono preconcetti, non vi sono analisi né giudizi…) e si impara a navigarlo ! …potrebbe essere come chi scrive… si cavalca la Tigre … o altri modi ancora

inoltre l'osservazione permette di individuare altri aspetti ...come frasi e "impulsi" che non ci appartengono

^_^

p.s. se si ritiene opportuno spostarla in altro luogo non vi è problema ^_^

p.s. 2 ripeto...
evitiamo link e riferimenti che non hanno nulla a che fare con quanto postato... che per certi riferimenti è solo a carattere generale.

p.s. 3
...potrei anche sbagliarmi ^_^

14/09/2007
quote azrael66
Talvolta le errate interpretazioni che si fanno su di una persona, su di un’idea o un concetto ci inducono ad esprimere giudizi affrettati e coercitivi nei confronti degli stessi. Se a tutto ciò si aggiungono i luoghi comuni e l’incapacità di discernere col proprio cervello parlando priva di aver riflettuto, si può capire come e perché l’idea di rapito venga sovente impiegata come barzelletta o gag per film o telefilm.
Nell’accezione comune l’addotto viene quindi considerato come un simpatico mentecatto, vittima delle allucinazioni.
Quando qualche anno fa si è scoperchiato il pentolone della realtà delle abduction, chi gestiva e gestisce tutt’ora l’informazione, ha pensato di correre ai ripari con la solita nota opera di insabbiamento che come ben sappiamo consiste nello smontare e confutare, persuadendo della loro infondatezza, teorie ed informazioni che vanno contro il pensiero ufficiale o dominante.
Ma qualcosa non è andato secondo le loro previsioni.
Infatti quando un individuo si scopre coinvolto nel problema non ci sono opere di mainstream o debunking che tengano, questo prima o poi ne viene affascinato in quanto l’intuito (l’impulso che lo guida), ragazzi miei, non è possibile manipolarlo o condizionarlo.
Qualche decina di “pazzi” non fanno testo, qualche centinaio iniziano a far riflettere.
Ed eccoli riuniti tutti qui assieme nel forum di Alienati!
Il dado oramai è tratto, la presa di coscienza non si arresta più.
14/09/2007
quote nandos!!
Condivido a pieno az , ormai è evidente .

La mente deve essere usata bene, infatti si deve andare "al di là delle parole" come dici tu stessa cat, per potersi confrontare in determinate questioni o situazioni...giusto

14/09/2007
quote Pan1
Grazie cattina sei la voce del nostro cuore

27/11/2008 Grazie ^_^

Nessun commento:

Posta un commento