" Blog ...sconsigliato a persone impressionabili, minorenni e a chiunque teme di allargare i propri orizzonti ! "

lunedì 24 novembre 2008

Visione Sottile e percezione delle Energie Sottili

dal forum di Energie Sottili alcuni esercizzi:

Io provo a scendere un po' più in basso.
Dunque. Esercizio (pallosissimo, ma a lungo andare efficace) di chiaroveggenza.

PRIMA PARTE
1) Acquistare un buon atlante di Anatomia (non sottile!)
2) "contemplare" una tavola, tanto per cominciare, per esempio il fegato
3) chiudere gli occhi e "ridipingerla" mentalmente
4) riaprire gli occhi e verificare tutte le magagne della propria pittura mentale
5) chiudere di nuovo gli occhi e correggere
6) continuare così per 10/15 minuti.
7) si prosegue fino a quando non si è diventati bravini (se non si sono mai fatti esercizi di visualizzazione e se non si è un tipo visivo, ci vogliono anche più di tre mesi).
Dunque: non scoraggiarsi. Poi cambiare organo.

SECONDA PARTE
Do per scontato che si è già bravini con il palming.
1) Si testa il fegato (o un altro organo con il quale ci si è già esercitati) di un paziente
2) Supponiamo che il paziente abbia una congestione grigia nel lobo sx e calda nel lobo dx
3) al fegato mentale e perfetto che abbiamo imparato a visualizzare aggiungiamo del grigio nel lobo sx e del rosso in quello dx
4) si continua così con tutti i pazienti, i conoscenti, i parenti, gli amici, i fidanzati e le fidanzate, le persone incontrate casualmente, ect.

Dopo due o tre mesi di questa seconda pallosissima parte, ci si accorge che il palming non serve più e solo guardando una persona, il suo fegato (cuore, stomaco, frattaglie varie) si dipingono da sole nella nostra mente.

In seguito, al posto dell'atlante NON sottile, si può sostituire un atlante di anatomia sottile (ne conosco uno buono, se vuoi ti do il titolo). Stessa procedura.

Tutto ciò è MOLTO palloso, ma anche di sicura efficacia. Anch'io non credo agli esercizi miracolosi, che si possono imparare in uno o due giorni. Nella mia vita precedente, ho organizzato uno o due corsi del genere (non miei! sia chiaro), poi ho smesso perché mi sembrava un furto.

Esisterebbe anche un secondo metodo meno palloso ma più difficle, del quale parlerò forse domani.

Seconda tecnica.

PRIMO ESERCIZIO.
Si tratta di attivare la capacità di visualizzazione ad occhi chiusi. Scegli una foto che ti piace. Nel mio caso, tanti anni fa, scelsi una foto di un ruscello nel ... Galles. A me piaceva molto e mi dava un senso di tranquillità.

Guardi attentamente la foto, poi chiudi gli occhi e la ricostruisci mentalmente. Dopo cinque minuti, riapri gli occhi e confronti la tua foto mentale con quella reale. Ovviamente troverai molte imprecisioni. Ripeti, ma non più di 2 o 3 volte. Il tutto dura una quindicina di minuti.

Via via aggiungi particolari. Colori, suoni (immaginari), particolari come uccellini, foglie che cadono, eccetera. L'importante è che i particolari siano sempre gli stessi, giorno dopo giorno, esercizio dopo esercizio.

Continui così per ... un annetto.

Risultato: ti si sviluppa enormemente la tua capacità di visualizzazione.

SECONDO ESERCIZIO (Micidiale e molto faticoso)
Si tratta ancora di attivare la capacità di visualizzazione ad occhi chiusi. Immagina di assistere ad occhi chiusi ad una partita di ping pong. Segui la pallina nei suoi rimbalzi e ogni volta che viene colpita dalle racchette. Non più di 5 minuti. Una sola volta al dì.

Risultato: ti si sviluppa enormemente la tua capacità di visualizzazione.

Ce ne sarebbero altri, ma il seguente è quello definitivo:

TERZO ESERCIZIO (Meditazione della candela).
Si tratta stavolta di attivare la capacità di visualizzazione ad occhi aperti. Stanza al buio, una candela accesa davanti a te. Con l'occhio che non guarda direttamente la fiamma, ma adottando una visione "laterale". Osserva le varie "aure" (non sottili) della candela. Può durare anche 30 minuti.

Se vai avanti così, soprattutto se alterni i tre esercizi, si sviluppa una forma di chiaroveggenza diversa da quella che si attiva con l'esercizio che ti ho detto pecedentemente. Una chiaroveggenza per così dire "passiva".

APPLICAZIONE (dopo almeno un mesetto di esercizi come quelli indicati). Osserva una persona, senza guardarla direttamente, ma di lato, diciamo ad un distanza dal suo corpo di 40/50 cm. Sfoca gli occhi. Rilassati. Non aspettarti nulla. Divertiti. Non ti sforzare. Sorridi a te stesso. Già alla prima volta vedi l'aura. La terza o quarta volta i chakra. Dopo uno o due mesi i colori dei chakra. Eccetera. Dopo un anno, sei qualcuno (il problema sarà la costanza).

Molto efficace per l'osservazione delle FPN.

I tempi indicati sono stati i miei. Altri ci mettono di meno.

Tutto il metodo è di grande efficacia. Lo certifico personalmente. Non conosco nulla di più efficace. Se unisci la seconda tecnica alla prima ...

CONTROINDICAZIONI. Nel frattempo che ti eserciti, utilizza sempre la tua capa e spremila su problemi concreti e reali (il 740 et similia), risolvi problemini di matematica, studia un po' di Fisica o di Biologia o di Medicina, altrimenti c'è il rischio grosso di svanire nelle fumisterie New Age, di vedere gli angeli del Paradiso, di parlare con Gesù. Mi dispiacerebbe perderti.

Saludos amigo.

Nessun commento:

Posta un commento