" Blog ...sconsigliato a persone impressionabili, minorenni e a chiunque teme di allargare i propri orizzonti ! "

venerdì 30 gennaio 2009

Risolvere i Conflitti interiori...



Stavo cercando in rete alcune cose a proposito dei conflitti interni/interiori per una ricerca e riguardo a ciò che Malanga scrisse tempo fa da quache parte che ora non ricordo, forse nel forum, non riesco a ritrovarlo nemmeno con google così lo trascrivo dal mio blocco degli appunti:
Fate il seguente esercizio.... Fate finta di gestire una tavola rotonda (SIMBAD) dove voi siete i moderatori, alla vostra sinistra l'incoscio ed alla vostra destra il subconscio... e cominciate a chiedere all'inconscio le cose, poi passate la palla al subconscio e fate i moderatori.
Vedrete che ne vengono fuori de
lle belle.
Segnate poi alla fine tutto quello che vi siete detti perchè poi lo analizzeremo con calma. Il moderatore deve tentare di mettere daccordo i due relatori perchè questo è lo scopo finale. Ci volgiono spesso tre o quattro sedute di questo tipo ma poi si raggiunge un accordo interiore che è molto utile. Questa tecnica è stata inventata tanto tempo fa ma io l'ho riadattata alla PNL e mi sembra interessante...
provare per credere


malcor

ed ho trovato questo interessante post sui conflitti esterni:


Fine Del Conflitto: 7 Passi Per RiComunicare
Guest post scritto da Marco Cappi.

Ti è mai capitato nel corso di una discussione di arrivare al punto di rottura ?
E anche se le tue ragioni sono ben chiare e legittime, pare che ogni parola sia inutile ?
Nuove argomentazioni peggiorano la situazione… le questioni si accavallano, si sovrappongono formando una barriera “invalicabile”.

Quando si arriva al livello di rottura del dialogo, mi è capitato di notare alcune caratteristiche che di norma sono presenti, tipo:

  • La persona con cui si discute è importante (per il vissuto e il rapporto futuro). Di solito simili circostanze si verificano con persone “care”, non che siano prerogativa esclusiva del rapporto di coppia (quasi), ma anche tra genitori e figli, fratelli e sorelle.
  • Sono dei “film” già visti ( non necessariamente con gli stessi attori), ricorrenti, a volte ciclici.
  • Il motivo scatenante non necessariamente è importante, o la risorsa per cui si discute non è limitata…. magari si tratta di un semplice comportamento, un modus operandi, un atteggiamento (spesso è segnale di un disagio/problema sotterraneo diverso non espresso).
  • Sono motivi già affrontati in passato, che magari ritenevi già risolti/superati… e invece NO, covavano sotto la cenere.
  • Entra in gioco la lettura del pensiero: “Lo so che quando fai così….. allora vuol dire che …” ( aggiungo che ci sono persone che dicono "io so..., sai che io so..., ecc." ). A volte non sono nemmeno IO consapevole di ciò che penso, figurati se non mi irrito quando pretendi di sapere e interpretare TU i miei pensieri ! E poi non c’è verso di farti intendere che sono SOLO TUOI pensieri/supposizioni, attribuiti a me (senza il mio permesso!).

Insomma il confronto costruttivo diventa impossibile, in balia delle emozioni il dialogo sembra una locomotiva che corre vincolata su un binario (morto), COSA POSSIAMO FARE prima di passare alle mani (schiantarci) ?

1. Come per fare l’Amore, anche per Litigare bisogna essere in DUE. Se almeno UNO riesce a gestire il livello di distruttività della dinamica innescata dall’arrabbiatura/risentimento, si può rendere conto della situazione d’impossibilità di un confronto costruttivo, ed elegantemente proporre/iniziare una TREGUA, rimandando il proseguimento del dialogo ad un momento più favorevole. Magari dopo una pausa di riflessione, con gli animi stemperati è più probabile che ci si confronti più serenamente, ci si potrebbe anche ASCOLTARE!

2. Nei casi più difficili, quando i motivi sono seri, quando la frequenza s’infittisce, o quando si è distanti un METODO praticamente INFALLIBILE, alla portata di tutti consiste nello SCRIVERE UNA LETTERA. Per quanto possa sembrare banale, la semplicità della parola scritta include una POTENZA comunicativa STRAORDINARIA (soprattuto in questi casi) :

A) Mentre scrivi PENSI alle parole che usi, puoi dosarle, scegliere le migliori, usare le meno equivocabili. NON CI SONO INTERRUZIONI!
B) SAI che rimarranno scritte, resteranno nel tempo e non potrai cambiarle, non saranno subito DIMETICATE/ SOSTITUITE.
C) L’emozione è un’ aiuto non più un’ostacolo ad esprimerti, puoi USARE tutto il tempo CHE VUOI.
D) Chi la riceve ha la possibilità di leggerla e rileggerla. E’ noto che i FILTRI d’interpretazione delle nostra realtà sono variabili in funzione del trascorrere del tempo e dell’umore, e anche chi è MOLTO ARRABBIATO/EMOTIVO matura il momento della giusta comprensione.

3. TOGLITI TUTTE LA MASCHERE ! Esci dal gioco delle parti.

4. RARAMENTE un solo contendente ha COMPLETA RAGIONE.

5. RICONOSCI IL VALORE DEL RAPPORTO, ed esprimilo.

6. SVILUPPA POSSIBILI SOLUZIONI, e proponiLe (possibilmente due).

7. CONSEGNA (spedite) LA LETTERA ALL’INTERESSATO/A , se resta nel cassetto non ha lo stesso effetto :-)

Scrivere una lettera in fase di conflitto contiene un certo grado d’intimità e richiede sincerità e CORAGGIO. Chi la riceve potrebbe anche non leggerla subito, ma PUOI chiedere una risposta, un parere; normalmente il destinatario manda dei SEGNALI… potrebbe anche rispondervi con un’altra lettera, ecco il contatto è ristabilito!

fonte: http://www.leviedellaricchezza.com/fine-del-conflitto-7-passi-per-ricomunicare

^_^

giovedì 22 gennaio 2009

LGO e esperienze fuori del corpo


Da quel che leggo un po' in giro spesso si tende a generalizzare e a creare confusione tra cose diverse,
ad esempio...

l'LGO (Lettura di griglia olografica), una tecnica che permette di andare a "vedere/leggere" la griglia olografica (o memoria akashica, memoria collettiva ecc.), tenendo presente che quanto si legge corrisponde al momento della lettura e che un attimo dopo potrebbe essere cambiato di qualcosa o meno poichè il passato presente e futuro sono sulla stessa linea e già leggere in un tempo successivo porta a leggere su una nuova linea pasato-presente-futuro poichè sono coesistenti (sempre se non ho compreso male :P), che più è unita la triade più i dati e le interpretazioni si avvicinano alla realtà,

per chi è interessato da interferenze aliene/abductions è sconsigliato fare l' LGO,
poiché questa tecnica praticata da chi è ancora addotto, cioè è ancora interessato e subisce adduzioni fisiche e forse eteriche/astrali (su questo aspetto mi mancano ancora dati) ed ha ancora parassiti come il "Lux", il Ringhio, l'Horus e la MAA, anche se ce ne fosse uno solo, porta a risultati sfalsati, fantasiosi, storpiati avendo come risultato confusione e destabilizzazione.

Simbad è un psicodramma riadattato per introspezione -inizialmente- per prendere consapevolezza del fenomeno abduction e di conseguenza liberarsi dalle interferenze "aliene/militari" e dalle potenzialità illimitate secondo me sulla base delle mie esperienze, vedi Alien Cicatrix 1 e 2 di Corrado Malanga - Ufomachine.org
una volta completamente liberi il simbad si trasforma, cadono le pareti, la triade si unisce e si può entrare in LGO,

da quanto confrontato sino ad ora con altri addotti ci sono situazioni nei simbad o nelle esperienze fatte/ricordate o in LGO e poi riviste attraverso l'uso di "ancore" e "telecamere" si ha a volte la presenza di esseri dall'aspetto diverso da quelli ormai catalogati e conosciuti attraverso il lavoro di Corrado Malanga, di solito non se ne parla e si cerca di raccogliere più dati possibili, in modo da individuare le caratteristiche comuni e tracciarne un aspetto e un profilo più vicino alla realtà in quanto non sempre è facile interpretare corettamente tutto (quanto arriva) e vedere le cose come sono quando ci si trova ad usare la mente che filtra, un esempio è come viene visto l'Horus dalle diverse persone e in quanti modi l'ho visto persino io, così ad esempio con il tempo abbiamo visto che negli Horus vi è il maschio e la femmina che hanno alcune cose diverse ed altre comuni, ecc.

basta poi notare come più persone che sono presenti allo stesso evento poi lo riportino ognuno in modo diverso dove alcune cose sono comuni in tutte le testimonianze e altre no o ve ne siano di mancanti,

personalmente Corrado Malanga non mi ha mai risposto sulle cose/descrizioni a Lui nuove, mi rispondeva solo alle descrizioni di quello che era emerso uguale per tutti gli addotti dicendomi/scrivendomi: questo mi torna, è uguale a quello che hanno detto glialtri addotti,

mentre per le le altre che non tornavano da quel poco che posso sapere Malanga le ha archiviate (come ho fatto anch'io) e poi solo con il tempo, al momento, alcune cose/descrizioni che gli ho mandato hanno avuto riscontro in quanto sono poi state raccontate e descritte da altri addotti, le altre restano in archivio qualora si avessero nuovi dati, quindi non si esclude nulla a priori solo perchè una "specie"o un "ambiente" o una "procedura" ecc. non è masi stata raccontata e ricordata prima dagli altri addotti, nè si puntualizza su questo in quanto un domani nuovi dati potrebbero portare a definire meglio la cosa o in assenza lasciarla dormire, scartarla o a rivederla attraverso ancore e telecamere in modo tale da arrivare ad avere più dati e di conseguenza vedere meglio cosa si celava dietro a quell'"immagine",
altre volte ero portata ad usare le ancore e le telecamere per "vedere meglio" e riportare quanti più particolari possibili aiutandomi anche con i disegni,
inoltre da poco che so ora emerge che vi siano "razze" che abducono e interferiscono con una piccolissima percentuale di addotti e di cui si sa ancora poco,
comunque il "simbad" permette di liberarsi pure di questi.

Ricordo che nei primi simbad a un certo punto non riuscivo più a fare nulla, mi saltava la stanza, si storpiava l'immagine ecc. alla fine grazie a un consiglio di Malanga usai dei filtri colorati tipo quelliche si usano per le fotocamere e così individuai la presenza che mi faceva saltare tutto, vidi ogni particolare e nel psicodramma riuscii a imprigionarlo in una gabbia trasparente, fu buttato fuori e non lo rividi più, i simbad da allora non furono più alterati.
Quell'essere fino ad ora non l'ho trovato in nessuna alta descrizione e al momento rimane archiviato

Ricordo che abbiamo iniziato solo ora a conoscere una piccola parte di ciò che ci circonda grazie a Malanga e al suo lavoro sulle "interferenze aliene" e che c'è molto, molto di più pertanto prima ci si libera dalle interferenze ecc, ci si "radica" bene ed eventualmente andare a "vedere" e "leggere" il resto, restando con i piedi per terra ed evitando di "partire per la tangente" ^_^

per esperienza personale, durante le interferenze e le abductions mano a mano che si va avanti lavorando su se stessi e prendendo consapevolezza e conoscenza del fenomeno, liberandosi strada facendo di Lux, Ringhio, Maa, Horus, "Militari Collusi" si arriva a situazioni in cui durante il tentativo di abduction la parte Animica esce parzialmente o completamente dal corpo consapevolmente (vedi l'espereinza vissuta la mattina del 26/12/2008), questo può sembrare le prime volte una abduction in piena regola mentre se ci si è liberati potrebbe trattarsi della risposta di blocco all'abduction e/o ai vari tentativi di interferenza,
mai dare nulla per scontato e cercare di andare a fondo e sviscerare quanto più possibile in modo da avere un quadro sempre più preciso, evitando conclusioni affrettate,

Alla fine solo chi ha fatto l'esperienza può arrivare alla verità della stessa, se era fantasia, un ricordo emerso rivissuto come reale, un vissuto reale, una vita coesistente, un oobe, ecc. evitando di cadere nelle credenze e limiti altrui,
come quando ad esempio si va ad interpretare un sogno, una persona può aiutarti usando le sue conoscenze, esperienze, intuizioni, ma alla fine solo chi ha fatto il sogno può trovare la giusta interpretazione e comprenderne il sinificato o se era altro,

Altra piccola cosa, l'Lgo è quanto scritto sopra, mentre la fuori uscita dal corpo, il vedere il proprio corpo, il volare per la stanza e spostarsi al di fuori ecc. sono esprienze extracorporee o OOBE fatte in modo più o meno consapevole, alcuni riescono a farlo a comando, mentre alcuni confondono le due cose,
uscendo poi dal corpo in un certo modo, ed anche qui non ho dati certi e quindi potrei sbagliarmi, si ha un corpo simile a quello fisico con i 5 sensi attivi per cui si tocca, si annusa, si sente, si percepisce come se si avesse un corpo solido, questo forse accade quando l'uscita è della triade unita,
riccordo l'esperienza fatta con un "orb" che forse prima o poi condividerò in rete.

^_^

p.s. ci sono molte cose da ampliare e approfondire, difficile farlo in poche righe, per questo ho dato alcune cose per scontate, ho preso solo alcuni aspetti e alla prima occasione vi ritornerò.

venerdì 16 gennaio 2009

simbad evoluto

Citazione
simbad evoluto

malcor 16/01/09

la cosa è interessante. va sottolineato che sto preparando l prssimo lavoro che punterà sulle novita nelle tecniche simbad. per non dilungarmi troppo in questa sede il simbad sembra una simulazione ma è in realtà una creazione della realtà virtuale. in altre parole ciò che si percepisce nel simbad è e diviene reale e modifica anche la realtà esterna, con l'utilizzo del parametro coscenziale.
In Inghilterra in un dipartimemnto univeristario di piscologia (ora chiuso hehehe) facevano esperienze di simbad mulltiplo o melgio duale. Non lo chiamavano simbad ma mettevano due persone ad immaginare lo stesso luogo in cui si scambaivano dati a distanza fittizia ma in realtà erano tutti e due nella stessa stanza. Funzionava. progetto universitario subito chiuso.
In un simbad duale ci sono molte difficoltà e la gente lo esegue con troppa leggerezza senza aver raggiunto lo stato necessario che poi corrisponde ad una serie di parametri che determinano la lateralizzazione del cervello.. ma spiegherò meglio nel prossimo articolo (datemi un apio di mesi )
In linea ipotetica è possibile effettuar eil slimbad multiplo per metter eincontatto più parti della coscenza universale. per ottenere un buon risultato è assolutamente necessario che le coscenze messe in gioco siano allo stesso livelo. Se per esempio un parassitato da lux entra in una convention di gente non parassitata succede un macello.
Prima vanno messi a punto i molti iparametri e poi si può fare. in altre parole prima uno sideve allenare da solo, raggiungere altissimi livelli e poi si pososno mettere assieme due o forse tre persone.. in gruppo ..mmm mi sembra un casino...
malcor

fonte: http://freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=8253514

in giro ultimamente si legge di tutto, persino chi scrive (forse anche in buona fede) di " dare una mano" ai presunti addotti da una parte segnalando chi ha competenza e allo stesso tempo dall'altra poi proponendosi per "iniziare a levare i parassiti"... come ha già fatto. (sig) Crazy Emoticons
La stessa persona poi scrive cose inesatte come fossero verità e fa passare cose esatte come errate ecc.

alla fine ognuno fa le proprie esperienze e c'è sempre qualcuno che per quanto gli si dica di fare attenzione o di "non" fare quella cosa poi alla fine si ottiene il risultato opposto, questo anche per l'uso errato della comunicazione, il "non" nella maggior parte delle volte, anche nel dialogo interno è "invisibile", ad esempio "non cadere" diventa "cadere", poi basta osservare i bambini, quando gli si dice di "non" fare quella cosa...
per evitare quanto sopra sempre più testi di diverse tematiche (conosci te stesso, pnl, autostima, manifestazione, “newage”, introspezione ecc.) si porta alla sostituzione del "non" con l'uso di frasi in positivo che indicano cosa si vuole veramente o il sostituire il "non" ad esempio con "evita/evitare"

ed è attraverso l'esperienza e quindi anche gli errori che una persona ha modo di imparare, comprendere, avere conoscenza e consapevolezza maggiore poichè non sempre è possibie fare proprie le esperienze altrui,

daltro canto però vi sono casi per cui la cautela e l'andare con i piedi di piombo è d'obbligo,

mentre altri sono i casi in cui anche se si sbaglia non lo si vuol vedere per diversi motivi o si arriva giustificare e giustificarsi e adiruttura in certi casi poi si persevera,

è il caso ad esempio di una persona che per gelosia mette in giro certe voci, per gelosia crede che una persona faccia delle cose poichè è quello che lei farebbe solo che non lo ametterebbe mai, perseverando nell'errore e non prendendosi la responasabilità arriva persino a giustificare con diverse scuse e raggiri il suo "operato", arrivando anche a distanza di tempo a far passare quella stessa persona per quello che non-è, continuando a farsi fantasie ed arrivando persino a scrivere/dire in presenza di altri cose presenti solo nella sua testa che nulla hanno a che fare con la persona "mirata" e con la realtà,

o ad esempio di chi preso tra incudine e martello arriva a giustificare i suoi errori con l'aver fatto "Na onta e na ponta..." che in italiano sarebbe quasi come una carezza e una pugnalata... da una parte e dall'altra Crazy Emoticonsinterpellando terze persone anzichè andare direttamente alla fonte, poi si chiedono per quale motivo non si ha più fiducia in loro ^_^

innanzitutto per quanto riguarda la tecnica del "SIMBAD", per esperienza diretta, una delle cose importanti da tenere conto è di evitare di prendere tutto alla lettera, sopratutto all'inizio quanto emerge, si vede, si sente, si esperisce richiede una interpretazione, un andare a fondo, un cercare chiarezza, evitando di prendere tutto alla lettera ^_^

questo richiede a seconda dei casi e/o degli archetipi, delle situazioni che "si vivono" nel "SIMBAD", di tempi più o meno lunghi, di ricerche, confronti, studi ecc.
avendo un certo distacco, una dose giusta di scetticismo e di razionalità, scremando e discriminando, onde evitare di finire con la testa per aria o peggio ancora...

molti , me compresa per via di esperienze dirette e condivise con altre persone (esperienze per la maggior parte delle volte spontanee), per certi periodi sono attirati dall'imparare a conoscere e a cercare di usare consapevolmente e con volontà certe risorse che di solito sono incontrollate e spontanee, come i viaggi astrali o OOBE, spostare oggetti (telecinesi), sapere cose di una persona toccando un oggetto (telemetria se non ricordo male), toccare le persone a distanza, sogni o visioni lucide di preveggenza, telepatia, la visione a distanza ecc.
cercano di saperne di più anche attraverso il SIMBAD però... accade qualcosa per chi lo fa correttamente e cioè si comprende che sono risorse a cui è possibile accedere in modo costruttivo e consapevole e intestardirsi a voler muovere ad esempio una "Psi Wheel" o fare altro è per lo più delle volte solo deleterio e fuorviante,
almeno per me è stato così, focalizzarmi sulle oobe, o le altre "stranezze" che mi accadono per lo più spontaneamente per imparare ad usarle e gestirle a comando mi portava fuori strada e questo l'ho compreso nei vari simbad che ho fatto per approfondire la cosa per comprendere di più queste particolarità di me hanno perso sempre più interesse, non mi interessava più poichè c'era prima molto altro da imparare e comprendere,
Cat Emoticons

in ogni caso ognuno ha modo di fare la propria esperienza,
è sbagliando che il più delle volte si impara, esperendo che si va avanti, a volte anche facendo cavolate, poiché per certe cose finché non si prova di persona per quanto qualcuno ci abbia messo in guardia o ci abbia messo al corrente siamo portati ad esperire in prima persona e di conseguenza ci prendiamo le nostre responsabilità.

Ho fatto simbad in cui attraverso una serie di situazioni entravo in contatto con le parti di un altra persona, questo per cercare di aiutarla, allora compresi che ognuno si aiuta da sè,
"Aiutati che Dio ti aiuta" potrebbe essere una frase pertinente qualora la parola Dio venga presa per quello che è, lasciano perdere religioni, convinzioni e credi limitanti, un "etichetta" di un qualche cosa che non può essere etichettato entro i limiti di una nostra mappa mentale poiché tale mappa è solo una piccola rappresentazione di ciò che è realmente il territorio,

una volta comprese tutte le cose inerenti a tale esperienza la si evita o la si esperisce per andare avanti e acquisire nuovi dati, dati che andranno sempre analizzati, interpretati, confrontati ecc.

il simbad una volta che si sono fatti certi passaggi, sopratutto per chi è addotto liberandosi dei parassiti e la Maa (memoria aliena attiva) e interferenze "militari", si evolve, si evolve di volta in volta, a volte in modo marcato altre in modo più impercettibile, si acquisisce sempre più consapevolezza e conoscenza, esperienza, fino a quando le pareti spariscono, si è in "LGO" (Lettura Griglia Olografica vedi Corrado Malanga),

andando avanti nel sperimentare e conoscere tale "strumento", il simbad, che per alcuni servirebbe solo per liberarsi dalle abductions perchè replicano che per tale motivo è stato creato... ponendovi dei limiti quando per le peculiarità e le potenzialità che continuamente si intravedono per quanto mi riguarda è illimitatamente ampliabile, ho avuto modo di fare delle esperienze interessanti e diverse,

ovvio che come tutte le cose il troppo storpia, l’eccesso va evitato, procedendo con i piedi di piombo evitando giudizi e soprattutto pregiudizi in merito, soprattutto da parte di chi ha pochi dati o poca esperienza in merito, questo è il mio pensiero ora basato su quanto visto e conosciuto sino ad ora e su quanto leggo in certi interventi in giro ^_^

questa è una di quelle, ne avevo accennato nel forum di Energie Sottili di Roberto Zamperini, un Amico una sera mi informò dell'incidente occorso a una sua cara amica, sciando era caduta sbattendo fortemente la testa contro un palo della recinzione ed era in coma da diversi giorni, con questo amico ho fatto diversi tipi di sperimentazioni e gli risposi che non davo alcuna garanzia come sempre, gli chiesi di mandarmi una foto della ragazza e che ci avrei meditato valutando, passarono alcuni giorni finché feci un simbad, chiesi alle mie parti se era possibile fare quel tipo di esperienza, se potevo collegarmi con le parti di quella ragazza, la risposta fu positiva, dopo una serie di situazioni nel mio simbad eravamo le parti di due persone, dialogai per lo più con la sua anima, gli spiegai il discorso del tempo, delle implicazioni, delle possibili conseguenze, mi fu risposto che si sarebbe svegliata presto, in quel momento mi sorse un dubbio e cioè se avrebbe avuto lesioni al cervello tali da precludergli una vita normale, la risposta fu istantanea e negativa, si sarebbe svegliata come se si fosse addormentata il giorno prima, informai l'amico di quanto raccomandandomi di prendere la cosa con le pinze poiché non sono certa di nulla fino a quando poi ne ho riscontro, una settimana dopo mi telefonò mettendomi al corrente del risveglio dal coma della sua amica e che era come prima, aveva riconosciuto tutti ed aveva fame,
forse è stata solo una serie di coincidenze, non lo so,

quando iniziai a comprendere quanto mi accadeva volevo aiutare anche i miei famigliari, compresi allora che prima aiutavo me stessa e poi avrei potuto aiutare gli altri, oggi continuo ad aiutare me stessa, è sano egoismo ^_^, l'ego va integrato come qualsiasi altra nostra parte!
allo stesso tempo le cose avvengono da sole, le persone che mi circondano, famigliari, parenti e/o amici, sanno che mi interesso di certe tematiche e che hanno vissuto delle "esperienze strane" in mia presenza, ora sanno che possono parlare di certe cose con me... il resto spetta a loro,
per cui diffidate di chi vi dice che vi può "liberare" dal parassita, i motivi per farlo sono molti e tutti importanti, conoscere vi permette di essere consapevoli e di no ricadere nello stesso errore,

nel condividere le mie esperienze in certo modo ora ho modo di aiutare molte più persone di quanto avrei mai potuto aiutare anni fa, o almeno nel mio piccolo lo spero e senza tante pretese poiché anch'io potrei sbagliarmi in qualcosa ^_^

andando avanti nei simbad ho vissuto diverse situazioni che poi evolvevano in altre, alcune mi hanno portata a cercare in quello che molti chiamano il sé bambino, il bambino interiore, il bambino del passato ecc. nell'integrazione delle parti, dei diversi sé, quindi alla scoperta di tecniche come ad esempio l'Analisi Transazionale, il "gioco delle sedie" in cui più parti vengono fatte emergere, l'“enneagramma”, ecc.

ritrovando in seguito molto chiarificatore l'articolo pdf di Malanga:
HILLMAN E LA PSICOSOMATICA DELL'ADDOTTO:
UN AMPLIAMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE NEURO-LINGUISTICA
Corrado Malanga 5 settembre 2007


alcuni trovano assurdo leggere/sentire di simbad in cui l'osservatore vede due menti, il corpo, ecc. dando una propria interpretazione su quali basi non si sa, poi andando a vedere in giro le cose si fanno un po' più chiare ^_^

personalmente fatico a comprendere come persone che non hanno mai fatto un simbad o ne hano fatto qualcuno, non si sa come, denigrino e/o storpino e/o facciano considerazioni in merito,

quando ho iniziato a fare il simbad il mio punto di vista come osservatore era identificato nel corpo, osservavo il corpo, la mente, lo spirito e l' anima, come scritto poi in diversi interventi in passato accadeva che, grazie anche alla continua pratica con le "ancore" e "telecamere", facessi il simbad in terza persona vedendo tutte e quattro le mie parti, andando a cercare la comprensione di ciò mi si aprì ulteriormente la visuale su moltissime cose,

in alcuni simbad ci sono state situazioni violente o particolarmente crude, ricordo che un giorno chiesi per quale motivo mi sentivo sempre con la gola aperta, mi ritrovai catapultata in un ambiente completamente diverso, sembrava una radura e mi vidi come un uomo vestito di pelliccia, assieme ad altri armati di bastoni e lance di legno, davanti a me si ergeva un enorme orso bruno che con una zampata mi aprì il collo, sentivo tutto in prima persona, lo stavo rivivendo in quel momento, consapevolmente,
da quel giorno quel fastidio è sparito.

per quanto riguarda gli addotti, nei primi simbad l'ego viene gonfiato, caricato, Crazy Emoticons
spesso questo dall'esterno viene male interpretato poiché ci si esprime letteralmente attraverso gli archetipi, traspare nitidamente odio, violenza, paura e "immagini" come "spade di luce", asce giganti, sfere di fuoco o frasi del tipo "falli a pezzi" ecc, quindi non compreso, una volta che l'addotto si è liberato inizia il lavoro su di sé, o almeno così potrebbe essere,

anche se poi da alcuni fatti recenti certe volte nella realtà potrebbe benissimo essere che qualche personaggio responsabile delle abductions finisce realmente arrostito e disintegrato come accaduto, in un paio di tentativi di abductions ad una addotta, alla parte di un cuscino e di una sedia di plastica,

in conclusione, scritto al volo ^_^,

è bene iniziare rispettando la procedura di base, evitare il giudizio, trascrivere tutto così come è,
con il tempo si avrà modo di interpretare in modo sempre più vicino alla realtà quanto si esperisce nei simbad, di avere un quadro sempre più chiaro e più completo, attraverso analisi, confronto ecc.,

consiglio di leggere molto e di informarsi per bene, per chi pensa di essere interessato dal fenomeno abductions mi sento di consigliare per esperienza diretta di compilare il TAV (Test Autovalutativo) e di contattare Corrado Malanga (vedi link ---> ufomachine.org) o persone da lui segnalate onde evitare di trovarsi nei guai con la mente incasinata più di prima per qualche persona in vena di protagonismo, del proprio ego o peggio per altri interessi… che per i propri giudizi soggettivi, i propri credo, convinzioni o altro potrebbero portarvi fuori strada.
Fate attenzione.

Le risposte sono dentro ognuno di noi. Crazy Emoticons

^_^

giovedì 8 gennaio 2009

Introspezione Ambientale: Metodo pratico di applicazione del Simbad


L'ufologia, quella scienza per molti sconclusionata che cerca e studia presunti contatti di vita extraterreste, di esseri che da galassie lontane vengono a farsi le passeggiate ogni tanto sul nostro pianeta, che dicono di essere nostri amici ma che ogni tanto rapiscono qualcuno e nessuno sà perchè. Ovviamente tutte le persone che dicono di essere state rapite dagli alieni sono pazze per cui non c'è da preoccuparsi e magari possiamo sognare che un giorno qualcuno arriverà dallo spazio e risolleverà la sorte dell'. Ecco però che da più di trent'anni qualcuno si è preso con immenso impegno l'immensa briga di affrontare con un rigore scientifico il fenomeno dei rapimenti alieni, o in generale del fenomeno delle interferenze aliene: Il professore Corrado Malanga. Corrado Malanga ha condotto uno studio approfondito in tutti questi anni avvalendosi di strumenti di analisi molto validi quali l'ipnosi e la programmazione neurolinguistica ed ha sviluppato varie tecniche di introspezione dell'inconscio per dare il via ad un processo di autoliberazione degli “addotti” (i rapiti dagli alieni, dall'inglese abductor) . Tramite queste tecniche ogni addotto può così cercare di prendere piena coscienza del problema alieni e avere delle reali possibilità di autoliberazione.
Tra le tecniche di introspezione un ruolo importante viene assunto dalla tecnica del Simbad che permette a chi la usa di potere dialogare con il proprio inconscio, luogo dove è nascosta la vera natura dell'.

...continua....

"Gaetano: ha detto...

Salve, questo mio vecchio lavoro lo trovate adesso qui:
http://www.leggeuniversale.byethost8.com/index.php?mod=read&id=1285524465

Saluti e ancora grazie

28/09/10 "
...alla fonte dove è anche possibile scaricare tutto l'articolo in formato pdf

Grazie Gaetano Borgosano

^_^

mercoledì 7 gennaio 2009

Ufomachine Reloaded

Nuova veste grafica e nuove funzioni
per il sito che accoglie le principali ricerche di
Corrado Malanga e del Gruppo Stargate.
http://www.ufomachine.org/


Tra le nuove proposte del sito la versione word del celebre

Gli UFO nella Mente ( 23 articoli )

INTERFERENZE ALIENE

INTRODUZIONE DI ROBERTO PINOTTI

Rilettura OCR e traslazione Word
a cura di Daniele Clozza
Edizione speciale per non-vedenti

^_^